• ADMIN

Pergotenda con pannelli di vetro richiudibili, CdS: ricade in edilizia libera

29/10/2019 – Una struttura con tenda retraibile, comandata elettricamente, tamponata su due lati con pannelli di vetro scorrevole richiudibili a pacchetto, ricade nella definizione di ‘pergotenda’ e, come tale, non richiede alcun titolo abilitativo. Questa la conclusione a cui è giunto il Consiglio di Stato nella Sentenza 6979/2019.

Pergotenda e titolo abilitativo: il caso


La controversia ha ad oggetto l’appello proposto nei confronti della sentenza con cui il Tar Lazio aveva confermato la demolizione della pergotenda ritraibile di 9 metri e di altezza variabile (da 2,60 a 2,25), realizzata in assenza di titolo abilitativo, che rendeva abitabile un terrazzo arredato con tavoli e sedie da giardino e in cui erano stati installati due climatizzatori. I giudici del Consiglio di Stato hanno accolto l’appello in quanto, “dall’impugnata ordinanza di demolizione e dalla documentazione depositata in giudizio con i relativi allegati fotografici”, l’appellante aveva installato, secondo la stessa definizione della PA, una “pergotenda”, ovvero un’opera che, secondo il condivisibile orientamento della giurisprudenza, pur non essendo destinata a soddisfare esigenze precarie, non necessità di titolo abilitativo in considerazione della consistenza, delle caratteristiche costruttive e della sua funzione. Il CdS ricorda che la conclusione trova conforto anche nel Glossario Unico contenente l'elenco non esaustivo delle principali opere edilizie realizzabili in regime di a